ROBERTO PADRINI – BASSO

Iniziò a suonare la chitarra a 14 anni per far colpo sulle ragazze e si ritrovò a suonare da solo mentre gli altri trombavano. Nell’83 a 16 anni, possedendo una chitarra elettrica, entrò a far parte di un gruppo: i “Diapason”. Si suonavano Beatles, Eagles, Bennato, Baglioni. I primi concerti erano soprattutto nelle scuole. Il gruppo si sciolse e si riforma e a lui “tocca” suonare il basso (senza mai capirne l’essenza, fino all’incontro con Claudio “Gallo” Golinelli), anche perché come chitarrista era un… rutto………
Nell’84, dopo un tour molto impegnativo (una data) obbligò il Poppa (allora molto timido…), con mezzi coercitivi (preghiera in ginocchio) a cantare qualche brano di Vasco: nasce la “Diapasonband” e, dopo 27 anni è ancora qui!
Non ha un palmares da sfoggiare: “…suono perché mi diverto e perché è un gran bel modo di esprimersi, pur avendo fatto qualche cosa di importante, quantomeno per me…”
Per motiv personali da qualche anno partecipa solo alle date della provincia di Verona, condividendo in qualche modo con oberto Galli il ruolo del bassista.
Utilizza un basso Steimberger e un amplificatore Ampeg, che, tra testate e casse, strappa improperi ogni volta che lo si deve caricare e scaricare visto il peso, ma che suona da Dio……

lasciami un messaggio